Ascolta la tua radio preferita!!!

29/11/07

Emigrare, come lo struzzo che nasconde la testa!!!

Io non credo che emigrare risolva tutti i problemi... E' solo il modo di fare di chi non ha più il coraggio di lottare, di andare avanti, di collaborare con le tante persone che vogliono migliorare le cose...

Il problema è che i collusi e criminali ormai sono al potere, sono nella politica, nelle dirigenze, nelle istituzioni, comandano la magistratura dall'alto, sono delle caste diaboliche fatte di poche persone che si sono blindate grazie a leggi fatte da loro stessi, la morte della democrazia...

Non c'è più la democrazia, c'è una oligarchia criminale che mi fa tornare alla mente la disposizione di potere preferita dalle mafie...

Sarà una coincidenza...

Ecco la mafia moderna, quel "sistema" che fu chiamato ai tempi "piovra" dai giornali, che non ha nulla a che fare con i boss pecorai con i loro codici d'onore...

Non ci sono più....

Oggi sono imprenditori, politici, dirigenti, anche giudici, spietati...

E' un sistema articolato di affiliazione, collusione e corruzione della parti che crea questa rete enorme che ci schiavizza ai poteri spietati di mafie moderne...

Sono d'ovunque, nei lavori pubblici, nel privato, alle regioni come governatori, alle province, ai comuni, nelle dirigenze della magistratura, della sanità....

Ecco come si spiegano gli sprechi, lo sperperio di soldi che nessuno sa dove vanno e che noi cittadini dobbiamo rimpinguare con le tasse ingiuste dei nostri governi collusi...

Ma noi siamo il popolo sovrano...

Dobbiamo riappropiarci della nostra costituzione, delle leggi...

Del nostro stato...

Dobbiamo lottare e mandare via questa oligarchia criminale...

Non dobbiamo farci schiacciare dal potere, dalla normalità, dal "così vanno le cose", dall'omertà...

Non dobbiamo farci sviare dall'informazione gestita dal potere, cerchiamo le notizie vere...

Sforziamoci e andiamo sui posti a vedere le cose reali e le cose che ci propina quell'immondezzaio che chiamiamo televisione...

Benvenuti alla "Penisola dei collusi"...

Vi lascio la testimonianza di chi ha lottato contro la camorra, forse meno conosciuto degli altri, ma per questo non meno importante, come tanti altri sconosciuti lottatori...



Un prete ucciso dalla camorra, il suo nome era don Peppe Diana, parroco di Casal di Principe nel casertano, patria dei casalesi, famiglia camorrista potente, diceva "Per amore del mio popolo non tacerò"... Disse e spiattellò in faccia a tutti cose che tutti sapevano ma che non dovevano essere dette apertamente, guardò in faccia i camorristi e li sfidò... Fu ucciso il 19 marzo, giorno del suo onomastico, nel sagrato della sua chiesa da due sicari... Oggi le sue parole risuonano più forti di prima.

2 commenti:

Nicola Andrucci ha detto...

i motivi per chui la gente emigra sono tanti. Un tempo era più una necessità primaria (mio nonno è stato 18 anni in svrizzera a partire dagli anni 50). Oggi i motivi sono molti, i più diversificati. Un po' fa anche parte della globalizzazione, un po' le aumentate possibilità di tutti (quando ero un bambino mi chiedevo: chissà se nella mia vita potrò mai viaggiare in aereo... ora forse dovremmo chiederci se voleremo nello spazio...). Cambiano le prospettive, cambia un po' tutto. Inoltre ci sono lavori specifici che in Italia praticamente non esistono (cosa fa da noi un ingegnere nucleare?).
Si va all'estero per tanti motivi, spesso però è uno sfizio snob, molti di quelli che partoono, con tanta enfasi, dopo 15 giorni tornano... E' diventata una moda quella di andare all'estero e vivere là, insomma, fa figo...

Leone paziente ha detto...

Vedi nella mia realtà andare all'estero è l'aspirazione di molti che, non riuscendo più a vivere nella situazione in cui si trovano, stanchi di convivere, o senza aver mai lottato, venno via, credendo che lì possano trovere la salvezza... Il mio articolo è molto provocatorio (volutamente!!!) perchè vorrei che questi ragazzi, queste persone, acquisiscano una mentalità di appartenenza al proprio territorio, una mentalità politica (non partitica, ma politica), di cittadinanza attiva. Non tacere i soprusi, non restare muti, non accettare le cose solo perchè "devono andare così".... La camorra e la politica collusa, ci stanno riempiendo di rifiuti tossici, che ormai hanno invaso le falde acquifere, e l'incidenza dei tumori è altissima... Le stime del registro tumori nazionale e regionale sono falsate dai politici, per non dare adito alle voci su questo aumento di incidenza di neoplasie... Perciò chi fugge e basta da queste situazioni deve sapere che lascia a morire e a combattere i propri familiari, i prorpi amici, la propria terra... Io non credo giusto questo.... Dobbiamo lottare tutti insieme, chiedere allo stato di essere presente, denunciare i politici corrotti, denunciare i soprusi... Solo tutti assieme possiamo risvegliare uno stato assente... Non è la mancanza di forze di polizia di cui abbiamo bisogno, ma la presenza di una politica giusta, che appoggia la magistratura nelle sue lotte alla mafia, al contrario di ciò che succede oggi!!! Poi ognuno ha la libertà di fare quello che vuole, perchè ogni situazione è diversa e c'è chi deve partire per forza... Io rispetto tutte le scelte, purchè siano scelte prese con coscienza, con ragionemento e con umiltà!!! Ciao!!